Insegno Lettere presso il Liceo "don L. Milani" di Acquaviva delle Fonti (Ba), e sono professore a contratto per l'Università degli Studi di Bari (insegnamento «Lo Sport nella Letteratura»). Sono stato anche professore a contratto di «Informatica per la Letteratura» e di «Didattica della lingua italiana» per l'Università degli Studi di Foggia (per più di vent'anni), e ho tenuto per due anni un corso di «Storia della lingua italiana» presso l'Università degli Studi di Stettino (Polonia). 
Sono Dottore di ricerca in «Filologia, Letteratura, Tradizione»), e docente formatore esperto, nei progetti ministeriali e nei corsi PON, con particolare riguardo alle innovazioni metodologico-didattiche, per l'insegnamento della lingua e della letteratura italiane. Ho pubblicato saggi e testi scolastici; e ho curato l'edizione divulgativa di alcuni Classici italiani (Dante, Rodari, Leopardi, Collodi, ...). Rinvio alle pagine specifiche di questo sito, per le schede illustrative di alcuni miei recenti prodotti editoriali.

Mi piace insegnare, e lo faccio da quasi quarant'anni.  Sono stato anche DocenteTutor nei corsi di abilitazione all'insegnamento SSIS, e, successivamente, in quelli per il TFA, sempre in qualità di esperto di didattica disciplinare e multimediale. Ho progettato e realizzato learning object per la piattaforma ministeriale INDIRE.

Sono un «sopravvissuto»survivor» direbbero gli inglesi); sopravvissuto a un tumore all'intestino, giudicato, all'inizio, con rischio morte 100%, che mi ha permesso di scendere all'Inferno, affrontando interventi chirurgici, chemio e radioterapia, e, poi, anni ...e anni di riabilitazione dell'intestino - per via di una ileo-stomia portata per un anno e mezzo, che ha complicato le cose. Grazie ai medici, agli infermieri, agli amici e ai familiari, però, posso urlare che sono ancora qui!
Dunque, sono felice di essere quel «pover'uomo» di cui scriveva Giosuè Carducci (come gli ricordavano i cipressetti, tra Bolgheri e San Guido, allorquando, il poeta, gonfiando il petto, affermava di essere diventato una celebrità, di saper leggere di greco e di latino, e di scrivere e scrivere... e di possedere tante altre virtù).
Per parte mia, sono, dunque, felice di essere ancora qui, e di continuare a vivere dei miei affetti, delle mie passioni, e dei miei progetti.